LETTERA A LOMBARDO E ENTI A TUTELA DELL'AMIANTO
Gent.mo
Presidente della Regione Sicilia
Dott. Raffaele Lombardo
PALERMO

Assessore alla Sanità
Dott. Massimo Russo
PALERMO

Assessore all’ambiente e territorio
Dott. Roberto Di Mauro
PALERMO

Assessore Politiche Sociali e Lavoro
Dott. Nicola Leanza
PALERMO

Direttore ARPA Regionale
PALERMO

Direttore INAIL Regionale
Dott. Mauro Marangoni
PALERMO

Presidente della Provincia Reg.
Dott. Nanni Ricevuto
MESSINA

Responsabile ARPA Provinciale
MESSINA

Oggetto: mappatura e rischio Amianto Regione Sicilia.


Dagli ultimi dati in nostro possesso, non ci risulta che nella nostra bella e meravigliosa isola del sole, sia stata effettuata la mappatura delle industrie che per anni hanno prodotto materiale in Amianto-Cemento, così come le mappature delle industrie, dei capannoni e delle abitazioni nelle quali ancora oggi esistono i famosi tetti Eternit, che non sono altro che lastre in Amianto-Cemento.

In Sicilia oltre alla Nuova Sacelit di San Filippo del Mela e alla Eternit di Siracusa, vi erano altre industrie in provincia di Caltanissetta, etc.. queste e anche altre industrie d’Italia, per anni hanno immesso sul mercato prodotti con le fibre Killer di Asbesto, quali lastre ondulate; lastre piane; serbatoi per acqua; tubazioni per acqua, per fogna, per telefonia, per condutture elettriche, per stufe a legna; canne quadrangolari per caminetti; pezzi speciali, etc..

Purtroppo, ancora oggi, a distanza di 18 anni dall’entrata in vigore della legge 257/92 e successive modifiche, constatiamo che non è stata effettuata una mappatura, comune per comune, provincia per provincia, dei materiali esistenti in Amianto-Cemento o delle corde e materiale di amianto che sono serviti a copertura dei tetti, per il convoglio delle acque, per i passaggi di condutture telefoniche e elettriche. Disconosciamo, pur sapendo che basta respirare una fibra Killer per ritrovarsi nell’arco temporale di 30, 40 anni e oltre con un Mesotelioma Pleurico, quanti e dove vi sono, sul territorio, prodotti contenenti il Killer della vita.

Alla Nuova Sacelit di San Filippo del Mela sono 104 i decessi, tra i 232 ex dipendenti, per Mesotelioma Pleurici, Neoplasie Polmonari, neoplasie al Pancreas, Asbestosi e patologie correlate all’esposizione. Quanti saranno i decessi tra coloro che risedevano vicino all’azienda? Quanti saranno i decessi e le patologie tra i residenti vicino ad aziende con i tetti in stato di deterioramento? Quanti sono i lavoratori esposti alle fibre Killer che non hanno potuto usufruire dei benefici? Quanti sono i lavoratori che pur non avendo mai avuta una vera esposizione alle fibre Killer hanno usufruito dei benefici? Vi sete mai poste queste domande?

Possiamo essere soddisfatti che il Presidente Lombardo abbia insediato un gruppo di lavoro per lo studio di misure urgenti per l’eliminazione dell’amianto. Non è mai troppo tardi, anche se riteniamo che i rischi non sono solo nei siti industriali di Gela, Milazzo e Priolo, ma in tutto il territorio della Regione Sicilia, basti, giornalmente, controllare il territorio per trovare lastre, tubi, serbatoi, rotti e abbandonati.

Noi ci auguriamo che, finalmente, il lavoro che dovrà essere svolto, da questo gruppo, sia basato sulla professionalità, serietà, correttezza e conoscenza delle fibre Killer e delle patologie ad esse correlate, affinché si possa procedere, in considerazione dell’enorme ritardo, alla mappatura ed eliminazione dei prodotti contenenti Amianto, così come mettere in sicurezza tutti gli impianti ove ancora esistono i rivestimenti con detto materiale.

Chi parla conosce bene le fibre Killer, per avere lavorato per 25 anni e visto morire i propri colleghi di lavoro, senza poterli aiutare nella famosa fabbrica della morte, la Nuova Sacelit di San Filippo del Mela.

Vorremmo, solamente, chiedere, la possibilità, così come è stato fatto in altre regioni, provincie e comuni, dello smontaggio e trasporto dei prodotti contenente amianto totalmente gratuiti, lasciando ai cittadini l’onere della sostituzione, ad evitare ciò che sta avvenendo, molto frequentemente, l’abbandono sul territorio non avendo la possibilità di pagare le ditte autorizzate, che mette maggiormente a rischio gli stessi cittadini che ne vengono a contatto o che ne risiedono nelle vicinanze.

Il Presidente
Salvatore Nania


Giammoro li 24/05/2010
News
Mappatura e rischio Amianto Regione Sicilia Dagli ultimi dati in nostro possesso, non ci risulta che nella nostra bella e meravigliosa isola del sole, sia stata effettuata la mappatura delle industrie che per anni hanno prodotto materiale in Amianto-Cemento, così come le mappature delle industrie, dei capannoni e delle abitazioni nelle quali ancora oggi esistono i famosi tetti Eternit, che non sono altro che lastre in Amianto-Cemento.[.......]
read more


In primo piano
Il 4° CONVEGNO AMIANTO E AMBIENTE che si è tenuto a MILAZZO il 18 e 19 Maggio 2016, organizzato dal Comitato Permanente Esposti Amianto e dal Coordinamento Nazionale Amianto, ha trattato argomenti di grande rilevanza. Tutti i relatori hanno contribuito a mettere in evidenza le problematiche inerenti all’Amianto, alle sue patologie e agli Inquinamenti e patologie ambientali della Valle del Mela, dando grande risalto, con la loro professionalità ed enorme esperienza a ciò che è stato fatto e maggiormente a ciò che dovrebbe essere fatto nel prossimo e immediato futuro.
read more


Testimonianze

read more

Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Questo sito non consente l'invio di cookie terze parti.Il link all'informativa estesa contiene le seguenti indicazioni: uso dei cookie tecnici e analytics, possibilità di scegliere quali specifici cookie autorizzare, possibilità di negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie e la dichiarazione di aver preso visione dell'informativa estesa